Consulente ADR

Consulente per la sicurezza del trasporto e logistica delle merci pericolose e dei rifiuti pericolosi.

Il suo ruolo, la formazione professionale.

ll consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose su strada e per ferrovia è quella figura professionale di cui si devono avvalere le imprese che effettuano la spedizione, il trasporto, il carico o lo scarico di merci pericolose (D.L.vo 04/02/2000 n° 40 pubblicato sulla G.U. n° 52 del 03/03/2000 e successive integrazioni in attuazione della direttiva CEE n. 96/35/CE del 03/06/1996).
Sono esentati dall’ obbligo di nomina del consulente le aziende aventi specifici requisiti e che rispettino le condizioni previste.
Il consulente ADR/RID deve avere una conoscenza approfondita dei rischi inerenti il trasporto e le operazioni di carico e scarico di merci pericolose e delle disposizioni normative vigenti in materia (ADR e/o RID). Per svolgere tale incarico è obbligatorio possedere un certificato di formazione professionale rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, a seguito del superamento di un apposito esame, oppure conseguito in uno stato aderente all’ accordo europeo per il trasporto internazionale di merci pericolose.

Sono esentati dall’ obbligo di nomina del consulente le aziende aventi specifici requisiti e che rispettino le condizioni previste. 

Certificazione.

Il certificato di formazione professionale può essere conseguito in modo completo o parziale per determinati tipi di merci pericolose o ad una o più modalità di trasporto. Allo stato attuale si possono conseguire i seguenti certificati: modalità stradale, modalità ferroviaria, modalità per via navigabile.

E le relative specializzazioni: classe 1 (esplosivi), classe 2 (gas), classe 7 (materie radioattive), classi 3, 4.1, 4.2, 4.3, 5.1, 5.2, 6.1, 6.2, 8 e 9 (solidi e liquidi, classi varie), numeri UN 1202, 1203, 1223 (prodotti petroliferi), tale certificato è valido per un periodo di cinque anni ed è rinnovabile previo superamento di altro apposito esame nei 12 mesi che precedono la scadenza.

SANZIONI

La mancata nomina comporta una sanzione pecuniaria da € 6.000 – a € 36.000.
La mancata comunicazione della nomina alla ufficio MCTC comporta una sanzione pecuniaria da € 2.000 – a € 12.000.
La mancata osservanza di alcune delle norme dell’ ADR porta a sanzioni amministrative e pecuniarie importanti, alla decurtazione da 2 a 10 punti dalla patente (a seconda dell’ infrazione), alla sospensione della stessa e al fermo amministrativo del veicolo da 2 a 6 mesi.
La sanzione pecuniaria colpisce anche i mittenti e i caricatori.

Come deve avvenire la nomina del consulente ADR

La nomina del Consulente ADR è un atto formale, il legale rappresentante dell’impresa deve comunicare per iscritto al consulente la sua nomina, e anche l’accettazione dell’ incarico deve avvenire in forma scritta. La nomina del consulente dev’ essere notificata all’ufficio provinciale MCTC competente per territorio dove ha sede operativa l’ azienda. In caso di più sedi operative in diverse province, devono essere effettuate nomine del consulente per ogni singola sede presso l’ ufficio del dipartimento dei trasporti terrestri competente.

Perché rivolgersi allo studio M® per l’incarico di consulente ADR/RID ?

Il legale rappresentate dello studio M® è tra i primi in Italia ad essere abilitato per la professione di consulente per la sicurezza del trasporto di merci pericolose e rifiuti pericolosi in regime ADR/RID, per tutte le classi strada e ferrovia:

  • Già nel 1990 il Legale Rappresentante dello studio M® si occupava di trasporto merci pericolose ADR/RID per aziende di trasporto che avevano necessità in ambito internazionale di garantire la conformità normativa, anche attraverso quello che allora erano i sistemi qualità regolati dalla EN 29001/2/3/4 oggi ISO 9001:2015;
  • Conoscenza storica e minuziosa dell’accordo europeo per il trasporto internazionale su strada e ferrovia in tutte le sue evoluzioni, revisioni e recepimenti a carattere nazionale;
  • La molteplicità di tipologie dei Clienti hanno permesso allo studio M® uno sviluppo delle competenze nell’ambito ADR/RID molto elevato;
  • Immediata capacità di analisi per la definizione di procedure operative su cui erogare una specifica ed efficace formazione presso le aziende Clienti;
  • Velocità di risposta ai quesiti posti dai Clienti, grazie alla competenza ormai trentennale nonché alla conoscenza storica delle revisioni ADR/RID recepite nel corso degli anni;
  • Redazione di documenti che sono risultati conformi alla normativa ADR/RID in occasione di ispezioni / Audit di parti terze;
  • Metodologia di consulenza consolidata, per un’efficace risultato per le aziende Clienti in termini di conformità normativa;
  • Operatività in ambito Nazionale.

ADR

La sigla “ADR” è un acronimo che indica, in lingua francese “Accord europeen relatif au transport international des merchandises Dangereuses par Route” e che in italiano si traduce con “Accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose su strada“.

Il Consulente ADR

La complessa e ampia materia, prevede specifiche competenze anche in relazione alle figure degli operatori coinvolti: speditore, riempitore, trasportatore, ecc.  Studio M® può offrire un valido supporto alle imprese che hanno necessità di adempiere alla normativa in forma certa e concreta.

Normativa

La normativa di riferimento è il D.lgs n° 35 del 27 Gennaio 2010 (ex D.lgs n° 40/2000), secondo cui il consulente ADR, nell’ambito della gestione tecnica del trasporto di merci pericolose e rifiuti pericolosi (ADR/RID), redigerà una relazione tecnica obbligatoria.

Il consulente ADR

Cropped image of businessman checking messages in smartphone and taking notes in planner

ll consulente per la sicurezza dei trasporti di merci pericolose su strada e per ferrovia è quella figura professionale di cui si devono avvalere le imprese che effettuano il trasporto, il carico o lo scarico di merci pericolose (D.L.vo 04/02/2000 n° 40 pubblicato sulla G.U. n° 52 del 03/03/2000 e successive integrazioni in attuazione della direttiva CEE n. 96/35/CE del 03/06/1996).
Il consulente deve avere una conoscenza approfondita dei rischi inerenti il trasporto, le operazioni di carico e scarico di merci pericolose e delle disposizioni normative vigenti in materia A.D.R. e/o R.I.D. Deve possedere un certificato di formazione professionale rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti oppure conseguito in uno stato aderente all’Accordo ADR.

Lo studio M®

Lo studio M® vanta un’esperienza trentennale nell’ambito della consulenza (ADR/RID) relativa al trasporto di merci e rifiuti pericolosi su strada e ferrovia, basata su storiche ed approfondite conoscenze normative ed operative. Il legale rappresentante dello studio M® è tra i primissimi professionisti in Italia, nell’ormai lontano 2001, ad essersi accreditato presso il dipartimento provinciale dei Trasporti Terrestri per lo svolgimento dell’incarico di Consulente per la sicurezza del trasporto di merci pericolose, sia su Strada (ADR) che per via Ferroviaria (RID). Consulenza ADR di studio M® può offrire sulla base di una conoscenza storica della materia, maturata dal 1990 ad oggi, un valido supporto alle imprese che hanno necessità di adempiere alla normativa in forma certa e concreta.

A chi si rivolge?

consulente

Il consulente ADR si rivolge a tutte quelle le imprese che effettuano operazioni di carico, riempimento, confezionamento, trasporto, scarico di merci o rifiuti pericolosi in regime ADR/RID (Strada/Ferrovia). L’obbligo di nomina del consulente ADR/RID è sancito dal D.L. n°35 del 27/1/2010 all’art. 11 comma 1 (ex D.L. n° 40/2000). Per merci pericolose/rifiuti pericolosi ai sensi della disciplina ADR/RID, si intendono merci, sostanze, miscele (rifiuti e non) ed oggetti appartenenti ad una delle 13 classi, secondo i criteri di classificazione stabiliti nella parte 2 dei testi tecnici. Devono nominare il Consulente ADR/RID tutte le imprese che effettuato operazioni di spedizione / trasporto / carico / scarico di merci pericolose o rifiuti pericolosi salvo i casi di esenzione.

CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO MERCI PERICOLOSE E RIFIUTI PERICOLOSI CLASSI DA 1 A 9 STRADA, FERROVIA E MARE

ULTERIORI INFORMAZIONI SUL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE (ADR/RID)

Rapporto di Incidente

Nel caso avvenga un grave incidente o un evento imprevisto durante il carico, il riempimento, il trasporto o lo scarico delle merci pericolose deve essere redatto un rapporto di incidente secondo quanto prescritto al 1.8.5.4. dell’ADR o del RID.
Si ha un evento che obbliga a redigere il rapporto di incidente se si sono disperse merci pericolose o se vi è un rischio imminente di perdita del prodotto, se si sono verificati danni fisici alle persone, materiali o all’ambiente, o se sono intervenute le autorità, e se uno o più dei seguenti criteri sono soddisfatti.

Un evento che abbia causato un danno fisico alle persone è un evento che ha comportato un decesso o ferite legate alle merci pericolose trasportate e quando le ferite:

a) richiedono un trattamento medico intensivo;

Richiedi Info

Istruzioni scritte

In ogni situazione di incidente o di emergenza che possa verificarsi durante il trasporto, i membri dell’equipaggio devono adottare i seguenti provvedimenti, quando ciò sia possibile e senza pericolo:

– attivare il sistema di frenatura, fermare il motore e disconnettere la batteria attivando lo stacca batteria, ove presente;

– evitare ogni sorgente di accensione: in particolare non fumare, non utilizzare sigarette elettroniche o dispositivi simili e non attivare alcuna apparecchiatura elettrica;

– informare i servizi di emergenza, fornendo il maggior numero di informazioni possibile sull’incidente e sulle materie coinvolte;

– indossare l’indumento fluorescente e sistemare in maniera appropriata i segnali di avvertimento autoportanti;

9 cose che devi sapere sull'ADR/RID